Le insegne a neon di Las Vegas

Insegne a Neon, a Las Vegas c’è un intero museo dedicato

Le ferie d’agosto sono in arrivo e, se state pensando di trascorrerle negli Stati Uniti, vi stiamo per dare un luminosissimo suggerimento. Se per caso doveste trovarvi sulla costa ovest, dalle parti di Los Angeles, allora non potete proprio perdervi l’occasione di fare una visita a Las Vegas, la capitale mondiale del divertimento, dello shopping e del gioco d’azzardo che tutti conoscono per le sue sfavillanti insegne luminose.

In questa città tanto famosa, le luci a neon di alberghi e casinò sono così importanti e popolari che nel 1996 qualcuno ha pensato bene di creare un intero museo dedicato alle insegne.  Il Neon Museum di Las Vegas si trova all’incrocio tra Las Vegas Boulevard e Fremont Street e conserva più di 200 insegne all’interno della propria gigantesca area museale. L’intero spazio è stato ricavato da un vecchio motel abbandonato, il “La Concha”. Attraverso le insegne a neon, al visitatore viene raccontata l’intera storia della città dal 1930 in poi con locali, casinò e alberghi d’epoca, ma anche esercizi commerciali e attività locali coinvolte in avvenimenti importanti e film di successo.

Come tutti ben sappiamo, gli americani sono molto bravi a sopperire alla loro cronica mancanza di patrimonio storico grazie alla creazione di nuovi miti e al successo mondiale del cinema e della musica. Il Neon Museum ha avuto fortuna proprio grazie all’enorme flusso turistico che si riversa ogni anno in una delle città più famose degli Stati Uniti d’America. I biglietti di entrata al museo, in virtù della crescente domanda, aumentano anno dopo anno del 60% e all’interno gli spazi espositivi si fanno sempre più grandi. Insomma, Las Vegas sarà anche la città del peccato, ma ha sicuramente tantissime storie da raccontare e tutto, come spesso accade, comincia da un’insegna al neon.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *